Home / Europa / Croazia / Konavle: l’estremo sud della costa croata

Konavle: l’estremo sud della costa croata

Il Konavle (in italiano: Canali o Valle dei Canali) è la zona più meridionale della Croazia. Quest’area del paese è situata al confine con il Montenegro e le Bocche di Cattaro. La città di Ragusavecchia (Cavtat) è la più importante della regione. Il nome italiano di Valle dei Canali sembra derivi dagli avanzi dell’acquedotto romano di Epidauro (Ragusavecchia).

Il Konavle è una zona famosa per il suo bel paesaggio collinare, per i piccoli borghi agricoli, e per il folklore dei costumi e delle tradizioni dei suoi abitanti. Tra i centri più famosi per le sue tradizioni folklorisitche c’è il villaggio di Cilipi. Oltre a Cavtat (Ragusavecchia), unico altro centro del Konavle situato sul mare, è il piccolo villaggio di Molunat. Infatti tutti gli altri villaggi della regione si trovano nell’interno.

UN TERRITORIO AL CONFINE CON IL MONTENEGRO

All’estremo sud del territorio del Konavle si trova la punta della penisola di Oštra, che è la parte più meridionale della costa croata. Questa penisola è situata all’ingresso delle Bocche di Cattaro. La penisola è lunga circa 2,5 km e larga al massimo 460 metri. Nel 1441 il senato della Repubblica di Ragusa (Dubrovnik) decise di fortificare la punta Oštra, in modo da proteggere la popolazione del Konavle e i loro possessi dagli assalti dei vicini ostili. Per fare ciò fu costruito il Forte di Ostri.

Da questa penisola si ammira l’ingresso delle Bocche di Cattaro e le montagne del Montenegro. Davanti all’imboccatura delle Bocche di Cattaro si trova l’isola di Mamula (che appartiene al Montenegro) un’isola che si trova più vicina alla costa Montenegrina dell’ingresso delle Bocche di Cattaro, a pochi km dalla penisola di Lustica. Sull’isola ci sono resti storici del periodo Austro-Ungarico, un monastero ortodosso e una fortezza, che durante la seconda guerra mondiale fu usata come prigione.